Positano nel turismo

COMUNE: Positano

DESCRIZIONE: l’immagine di Positano si è diffusa solo con il Novecento ed è legata soprattutto a motivi culturali e politici. Infatti qui si creò una colonia di stranieri che avevano bisogno di scomparire per un po’ dalla scena politica dei Paesi di origine. Scelsero il sud e nella fattispecie Positano perché incarnava il mito di un sud libertario, libero da tutte le restrizioni del mondo civilizzato. Giungevano a Positano personaggi famosi che contribuivano a diffondere l’idea di una Positano cosmopolita, elitaria, raffinata, idea che tutt’oggi Positano porta con sé con i locali lussuosi e i celebri alberghi, costruiti proprio per rispondere alle aspettative dell’élite.

VEDERE, VISITARE, TROVARE: a Positano si incontrano boutiques e hotel lussuosi, nei quali rivive l’atmosfera élitaria che ha caratterizzato la località sin dagli esordi della sua storia turistica. Eppure, il privilegio del lusso e del denaro poco o nulla hanno a che vedere con il valore simbolico della Positano raffinata e cosmopolita, centro di produzione culturale e artistica e di originale ricerca esistenziale. L’aura di Positano è stata creata dall’élite (anche economicamente in rovina) della cultura, della politica, del gusto e dell’arte, ed è stata riciclata e reinterpretata in chiave consumistica. L’originaria connotazione e il valore simbolico della località sono, se non persi, quantomeno spesso fraintesi e rimangono beni non fruibili perché non adeguatamente presentati.

OPPORTUNITA’: la Costiera rivista e interpretata alla luce delle opere letterarie e dei dipinti realizzati dai viaggiatori è già stata oggetto di numerose mostre e publicazioni, anche recentemente. Tali esperienze potrebbero confluire in una esposizione permanente finalizzata all’interpretazione e alla presentazione dei valori simbolici che nel corso del tempo sono stati attribuiti ai luoghi. L’accento dovrebbe cadere sul contatto tra l’elemento locale e la cultura internazionale come forma di incontro e di reciproco scambio ed influenza, di processo fondativo e creativo delle identità sia dei luoghi che dei viaggiatori, nonché delle culture di appartenenza. Nel caso di Positano si potrebbe immaginare un itinerario “fisico” di ville, scorci e luoghi di ritrovo affiancato da un itinerario prettamente culturale di opere e testimonianze, personalità ed eventi politici, artistici, letterari e filosofici, senza escludere le suggestioni e le correnti nate e diffusesi a seguito degli incontri e dei contatti qui avvenuti: ne emergerebbero tanto uno stile di vita, quanto il ruolo di centro di produzione ed elaborazione culturale ed artistica svolto dalla località.

BIBLIOGRAFIA:
Dieter Richter, Viaggiatori stranieri nel sud . L’immagine della costa di Amalfi nella cultura europea tra mito e realtà, Tipolitografia Umberto De Rosa – Maiori, 1985.
Dieter Richter (cura), Tra Amalfi e Ravello: viaggio, turismo e cultura locale, Electa Napoli, 1997.
Dieter Richter e Salvatore Del Pizzo (cura), Alla ricerca del Sud. Tre secoli di viaggi ad Amalfi nell’immaginario europeo, La Nuova Italia, 1989

Condividi contenuto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email