Grotta di San Michele Arcangelo

atrani s. michele3

All’esterno del centro urbano (poco più a S della grotta si vede l’antica porta di accesso all’abitato da N), sulla parete E dell’alto pendio si apre questa grotta che ha svolto per decenni il ruolo di cimitero e, durante il secondo conflitto mondiale, quello di rifugio antiaereo.
All’interno della cavità, a cui si accede attraverso una ripida scala, fu costruito un altare con dipinto su lamiera del Crepella, risalente al 1930; il dipinto riproduce la caratteristica iconografia di S. Michele Arcangelo.
Da una seconda scala si sale al vano più antico, coperto da una volta a botte, con roccia affiorante e sguarnito di qualsiasi decorazione.
Sia l’altare che il dipinto sono in buone condizioni di conservazione compatibilmente con la situazione di forte umidità causata dalla roccia soprastante.

Condividi contenuto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email