Chiesa della Madonna delle Grazie

CHIESA DELLA MADONNA DELLE GRAZIE

“La Chiesa con il portico (2)”

La Chiesa della Madonna delle Grazie sorge in una delle zone più suggestive di Ravello. Essa è posta, difatti, sulla parte orientale dell’abitato, quella, cioè, che affaccia sulle cittadine di Minori e Maiori.
Oltre al pregio paesaggistico, la zona ha rivestito nel corso del tempo un’importanza fondamentale. Da fonti documentarie si evince che l’area, detta “Pendolo”, fosse una sorta di distretto staccato dell’antica Ravello, con un’intensa attività sociale ed economica. Tale importanza si manifesta, addirittura, nella costruzione di una cinta muraria che separava il “Pendolo” dal resto della cittadina.
La Chiesa, quindi, era il luogo di culto delle famiglie della zona e proprio per iniziativa di un nobile locale si ha nel XII secolo la fondazione dell’edificio, che era inizialmente dedicato a San Matteo. Fino al 1733 la struttura è nota col nome originario di San Matteo al Pendolo. In seguito il luogo cambia la sua dedicazione in Santa Maria delle Grazie.
La semplicità dei rivestimenti interni, la predilezione per il colore bianco delle coperture, le colonne di marmo di riuso rendono l’edificio uno schietto esempio di Romanico locale. La forma bombata delle absidi, poi, crea una spontanea associazione della costruzione alle altre chiese ravellesi.
Punto di forza della Chiesa è la luce. Grazie alle aperture poste in alto alla navata centrale, la luce naturale del giorno riesce a filtrare, creando così, un’atmosfera sobria e di raccoglimento.
Di rilevante importanza è la Cappelluccia, posta al lato dell’ingresso, in cui restano tracce di un affresco raffigurante la Madonna che allatta, un Agnus Dei e un San Cosma, personaggio caro alla spiritualità della comunità di Ravello.
Nella piccola sagrestia, poi, è conservato l’ex paliotto d’altare, restaurato negli anni Trenta del secolo scorso.
Addossati alla Chiesa, infine, sono posti un piccolo portico, che funge da tramite tra la zona sacra dell’interno e l’esterno, e un piccolo campanile strutturato su due livelli, che riprende per i motivi e le forme gli altri edifici liturgici del luogo.

 

Condividi contenuto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email