L’arte del ferro battuto

Valle delle Ferriere il rotore del generatore di unantica centrale elettrica 800x533 800x533

Attività economica molto importante in passato è stata la lavorazione del ferro che portava alla produzione delle centrelle, chiodi corti e tondeggianti. Tutto ciò risale all’epoca antecedente l’avvento dell’industria moderna, ma la presenza delle fucine è tuttora segnalata da alcuni toponomi (la Valle delle Ferriere tra Scala e Amalfi e Ferriera di Pucara a Tramonti). Proprio in quest’ultima frazione, in una vecchia cartiera dismessa spicca il nome di Erasmo Amato, realizzatore di veri e proprio capolavori in ferro battuto immersi in un’atmosfera d’altri tempi. Il ferro può essere utilizzato sia da solo che in unione con altri materiali quali la ceramica, il vetro o il legno.

VEDERE, VISITARE, TROVARE: la lavorazione del ferro è attività artigianale poco conosciuta e per nulla valorizzata.

OPPORTUNITA’: l’organizzazione di una mostra permanente sull’artigianato e gli antichi mestieri, per rivalutare e diffondere la conoscenza delle creazioni e delle lavorazioni artigianali locali interpretando i mutamenti che si sono verificati rispetto al passato.

BIBLIOGRAFIA:
Gargano Giuseppe, “Le origini e gli eventi”, in La Costa d’Amalfi, paesaggio di borghi dipinti, iniziativa ideata da Cotur Costa d’Amalfi coordinamento turismo rurale.

Condividi contenuto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email