I terrazzamenti di Amalfi

terraz amalfi

 

COMUNE: Amalfi
DENOMINAZIONE: Terrazzamenti
DOVE STA: Loc. Pastena Lone, Loc. S. Lorenzo al Piano

DESCRIZIONE: L’area maggiormente terrazzata all’interno del Comune di Amalfi è quella che si trova in località Pastena Lone. Il nome stesso della località rimanda allo strumento giuridico con cui i terrazzamenti furono costruiti: il contratto di pastinato. La zona presenta terrazzamenti di estensione variabile che accolgono sia limoneti che orti e nella parte più alta la vite. La coltivazione avviene su pergolato. In passato la zona si caratterizzava per la presenza della coltivazione del carrubo, molto diffuso in tutta la fascia costiera. Poi all’inzio del secolo scorso i numerosi vitigni che in parte erano già andati a sostituire il carrubo furono a loro volta sostituiti da agrumeti, soprattutto limoneti.
Un’altra area con molti terrazzamenti, a limoni, è quella che è compresa tra la Cattedrale e il cimitero monumentale, chiamata S. Lorenzo al Piano. Qui una vasta zona che confina a N con il bosco del Monte Aureo risulta intensamente coltivata.

VEDERE, VISITARE, TROVARE: La visita dell’area può avvenire percorrendo Via Maestra dei Villaggi che attraversa tutta la zona con andamento diagonale. Si consiglia di raggiungere la frazione di Amalfi, Pogerola, e poi di là imboccare, dopo aver percorso parte della strada rotabile che conduce ad Amalfi, la scala che attraversa la località Pastena. Via Maestra dei Villaggi termina in prossimità del centro abitato di Amalfi.
Per visitare la zona alle spalle della Cattedrale si può salire dalla scala che conduce al Cimitero monumentale da Piazza Municipio e che, dopo essere passata nelle vicinanze del Cimitero (qui c’è una visuale su tutta la struttura urbana di Amalfi fino alla Valle delle Ferriere e sui terrazzamenti sottostanti), giunge ad Amalfi.

OPPORTUNITA’ La possibilità di vedere le aree terrazzate sia in uso che in abbandono permette al visitatore di capire come questa attività ha influenzato ed influenza ancora l’assetto idrogeologico nonché l’economia della Costiera Amalfitana.

Condividi contenuto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email