Chiostro di San Francesco – Hotel Luna – Chiesa di Sant’Antonio

Chiostro di San Francesco Amalfi

COMUNE: Amalfi
DENOMINAZIONE: Chiesa e Convento di S. Francesco (Hotel Luna)
DOVE STA: Via S. Antonio.

DESCRIZIONE: Dell’antico convento di S. Francesco sopravvivono inalterati, nelle forme architettoniche, solo il chiostro e la chiesa, in quanto le strutture del convento vero e proprio sono state adattate ad albergo.
Il chiostro, che è influenzato anche dal punto di vista architettonico dalla semplicità francescana, mostra sul lato del giardino una teoria di archi semplici a sesto leggermente acuto su colonnine binate; l’unico alleggerimento dell’alzato è costituito da aperture circolari al di sopra degli archi. Al centro la vera del pozzo richiama alla memoria passi di monaci che sembrano risuonare ancora sotto le volte a crociera, che coprono le gallerie laterali.
La chiesa, invece, ben conservata, mostra la veste barocca che nasconde i caratteri semplici delle chiese francescane.
Costruita nel 1220 (la si ricollega ad una visita del Santo d’Assisi, ricordata in una moderna lapide all’esterno) su strutture di una chiesa precedente, è costituita da una sola navata con volte a crociera, con nervature, poggianti su paraste di stucco che terminano in cornici molto aggettanti.
Sulle pareti laterali sono tele settecentesche, che decorano gli altari minori e una piccola statua lignea di S. Rocco, alloggiata in una nicchia. L’altare maggiore, in marmo, contiene una tela seicentesca delle nozze di Maria e Giuseppe ed è circondato dal coro ligneo del 1593.
La sottostante cripta, due ambienti, contiene sepolture (un sarcofago del III secolo d.C. in riuso, una lapide del 1300) e su un altare una pala lignea con scene della vita di s. Francesco.

VEDERE, VISITARE, TROVARE Il convento e il chiostro, trattandosi di un albergo, non possono essere visitati, mentre la chiesa è aperta durante le funzioni religiose.
DATI SULLA FRUIZIONE: Nessuno
OPPORTUNITA’: Sarebbe possibile rendere visitabile almeno il chiostro, ovvero illustrarlo dall’esterno tramite supporti informativi tradizionali.

BIBLIOGRAFIA: (a c.) GARGANO O., Amalfi la città famosa, la città da scoprire, Amalfi 1995.
BEDINI G. B., Le abbazie cistercensi d’Italia, Roma 1964

Condividi contenuto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email