Casa a Vettica

Casa da lontano 2

Posta a 380 m. sul livello del mare, questa struttura è costruita nella roccia ed è collegata da un sentiero denominato Canale delle Monache che la mette in comunicazione con la più importante strada Via Maestra dei Villaggi. La costruzione rivela nell’alzato un diverso trattamento dei setti murari e la progressiva aggiunta di ambienti a S e a N, per cui si può ipotizzare lo sfruttamento di una costruzione precedente, fissando l’epoca di maggiore fortuna nel 1700. La struttura, a cui si accede attraverso una gradinata, è composta da due locali al piano terra, coperti da solai in legno; una scala porta al piano superiore, composto da una stanza di ingresso, coperta da una volta a schifo estradossata e collegata con uno spazio compreso tra il solaio e la copertura a volta del secondo vano del piano terra. L’ambiente immediatamente circostante presenta altri manufatti che dovevano costituire pertinenze della costruzione principale. Infatti, sulla destra della struttura principale, fu costruito un recinto che sfrutta la roccia come parete di fondo e a sinistra la parete della casa, mentre sugli altri due lati la chiusura è costituita da muri larghi nel caso del lato E circa 0,50 m. Nell’angolo NE fu costruita una bassa mangiatoia del tipo in uso nei recinti per maiali. Ancora più ad E, una cavità a pianta pressoché triangolare fu sfruttata per creare un altro ambiente, quasi sicuramente ad uso di stalla in cui la parete di fondo presenta nella parte alta i resti di una parete poggiante sulla roccia e con, nella parte alta, buchi per pali che dovevano sostenere il tetto. La parete di chiusura a O è in pietre con un trattamento del setto murario diverso nella parte alta dove le pietre diventano più piccole, la collocazione più accurata e il muro viene ricoperto da una specie di intonaco; su questa parete, inoltre, si apre il vano di ingresso, alto circa 1,70m, preceduto sulla destra da una bassa vasca, interamente costruita e ora quasi del tutto interrata, che doveva permettere l’approvvigionamento dell’acqua per gli animali che venivano custoditi nel locale. Al terrazzamento sottostante, ma confinante con questa struttura, c’è un altro locale con accesso da O e copertura a volta estradossata, ora crollata, la cui imposta sull’esterno è sottolineata da uno strato di pezzi di argilla (probabilmente tegole spezzate). Questo locale, il cui interno appare accuratamente intonacato doveva servire per abitazione e presenta anche due vani finestre sul lato S.

{gallery}CasaVettica{/gallery}

Amalfi_casa_in_grotta_a_Vettica.pdf
README.txt

Condividi contenuto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email