sanEustachio

Dirimpettaia di Ravello, Scala, nel cui toponimo c’è l’evidenza della sua struttura urbana concentrata intono a 6 frazioni, collegate un tempo solo da scale, oltre al centro vero e proprio, testimonia con i suoi castelli (Scala Maior, Scalelle, Torre dello Ziro) la funzione eminentemente difensiva dei centri collinari e montani per la sicurezza del Ducato di Amalfi. I giardini e i castagneti, il cui prodotto molto apprezzato da vita ogni anno ad una sagra, durante la quale è possibile degustare i piatti tipici di castagne ma anche innovazioni culinarie, caratterizzano il paesaggio del luogo.

Scala rappresenta anche un buon punto di partenza per interessanti escursioni in montagna, essendoci numerose bretelle che collegano il centro con l’Alta Via dei Lattari, lungo la quale si possono ammirare gli scorci più suggestivi della Costiera Amalfitana.

Condividi contenuto
Translate »