La Minestra maritata

minestra maritata

La minestra maritata è un piatto molto conosciuto che nonostante l’evolversi della tradizione culinaria è riuscita a mantenere il proprio posto nel pranzo del giorno di Pasqua. Il marito di questa minestra corrisponde allo stomaco del maiale e a qualche osso, entrambi salati. Alle tavole degli atranesi, conchesi e amalfitani le verdure si sposano con “noglie e pezzente”, mentre il marito preferito dalle erbe scalesi è il gamboncello che i vecchi riuscivano a mantenere fino al 10 agosto per consumarlo unitamente al concerto d’erbe formato da scarole, verze, tornelle, cardoni e qualche rametto di tenero finocchietto. Si aspettava questa data in onore di S. Lorenzo perché corrispondeva al giorno della festa patronale. Quando il gamboncello non riusciva a superare l’inverno nella pentola delle erbe, il giorno della festa si tuffava ‘o ngenato sul quale ‘o gambonciello aveva lasciato il suo profumo. Purtroppo ormai questa tradizione è stata abbandonata.

VEDERE, VISITARE, TROVARE: la minestra maritata viene preparata solo nell’ambito dei nuclei familiari.

OPPORTUNITA’: in Costiera amalfitana vengono organizzati diversi corsi di cucina dalle agenzie del posto, sarebbe interessante inserire tra i piatti che vengono preparati con l’aiuto dei visitatori anche pietanze come la minestra maritata. Ai piatti della cucina “familiare”, specie se legati a specifiche ricorrenze e periodi dell’anno, si potrebbero dedicare dimostrazioni e degustazioni allo scopo di coinvolgere i visitatori nei ritmi e nelle usanze della cultura locale. Per la minestra maritata questo potrebbe avvenire quantomeno in occasione della festa patronale, con un’accurata spiegazione della ricetta e delle sue varianti.

BIBLIOGRAFIA:
Ezio Falcone, La tradizione culinaria della regione amalfitana, il garum e la colatura d’alici, in Rassegna del Centro di cultura e storia amalfitana, 6 Dicembre 1993, Nuova Serie.
La Costa d’Amalfi, paesaggio di borghi dipinti, iniziativa ideata da Cotur Costa d’Amalfi coordinamento turismo rurale, dicembre 2001.

Condividi contenuto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email