Santuario Santi Cosma e Damiano

Chiesa S. Cosma Ravello

COMUNE: Ravello
DENOMINAZIONE: Santuario dei Ss. Cosma e Damiano
DOVE STA: Piazza S. Cosma

DESCRIZIONE: La chiesa che ora si vede deriva dall’ingrandimento della vecchia struttura, avviato negli anni ’50 del secolo scorso e terminato solo nel 1970. La vecchia chiesa era una piccola struttura rettangolare incastrata nella roccia con copertura di volta a botte e un campanile in miniatura con innesto sulla montagna; la nuova costruzione è costituita da un’ampia sala rettangolare con una grandiosa volta a botte e abside centrale.
La facciata è a forma di arco a tutto sesto, leggermente ribassato, mentre nel catino absidale un mosaico in tutta la sua ampiezza riproduce i due santi venerati nella chiesa e i quattro supplizi cui furono sottoposti, opera del pittore Liotti e dei maestri di Pietrasanta di Lucca.

VEDERE, VISITARE, TROVARE La chiesa è aperta durante le celebrazioni liturgiche ovvero rivolgendosi alla vicina casa parrocchiale.
DATI SULLA FRUIZIONE: Durante il mese successivo alla festa dei santi (il 26 settembre) la chiesa è meta di numerosi pellegrinaggi.

OPPORTUNITA’: Mancano supporti informativi sulle caratteristiche storiche ed architettoniche della struttura (si potrebbero integrare le notizie sulla costruzione moderna con quelle sulla precedente chiesa).

BIBLIOGRAFIA: FULCHIGNONI G., Ravello. Le cento chiese, Amalfi 2001
IMPERATO G., Ravello nella storia civile e religiosa, Cava d. T. 1990
MANSI L., Ravello sacra-monumentale, Ravello 1887

SANTUARIO SANTI COSMA E DAMIANO


“La Fontanella miracolosa e la chiesa sacrificata”

Il Santuario dedicato ai Santi Cosma e Damiano appare incastrato nella rupe che lo sovrasta ed è circondato da un ampio terrazzo che offre il meraviglioso panorama della Costiera Amalfitana. E’ meta di pellegrinaggi di devoti provenienti dall’intera regione che vi arrivano anche dopo giorni di cammino. Il nuovo santuario con il terrazzo panoramico è stato costruito fra il 1950 e il 1970 per avere spazi adeguati ad ospitare il gran numero di pellegrini, demolendo la vecchia chiesa che sorgeva nei pressi di una piccola sorgente, ritenuta miracolosa. La nuova costruzione è costituita da un’ampia sala rettangolare con volta a botte e abside centrale.


Salvatore Amato, L’antico Santuario di San Cosma ‘aggrappato’ allo sperone del Cimbrone – “Il Vescovado – www.ilvescovado.it

Il santuario dei SS. Cosma e Damiano, così come oggi lo si vede, è molto diverso da come si presentava prima degli anni Sessanta del Novecento. Il primo documento che menziona l’antica chiesa risale al 1397 ed è conservato nella curia metropolitana di Amalfi; è una lettera inviata dal papa Bonifacio IX al vescovo di Tropea Paolo de Grifiis in data 14 settembre. Essa disponeva che il vescovo affidasse al chierico sipontino Antonio de Fusco, la chiesa parrocchiale di Santa Maria a Gradillo e l’altra chiesa senza cura d’anime, dei Santi Cosma e Damiano di Ravello. Nell’Archivio Vescovile di Ravello il primo documento pervenuto risale al 17 maggio 1402, scritto in gotica preumanistica. Esso ci dice che Martino Scatozza, vicario del vescovo di Ravello Ludovico Appenditano, prende possesso di alcuni beni lasciati per testamento di Francesco Vessichello, tra cui un oliveto sito nelle pertinenze di Ravello in località A la porta Dopnica (Domnica) e li vende alla chiesa dei Santi Cosma e Damiano.Lo stesso Martino Scatozza divenuto poi rettore della Chiesa dei Santi Cosma e Damiano compra in excambium nel 1426 alcuni beni tra cui un pezzo di oliveto sito in Ravello e di cui sono definiti i confini. Ai benefici dell’antica chiesa si aggiunge poi nel 1484 un ospizio di case sito in località alla porta De La Terra in seguito alla vendita che Amata Iusta e suoi figli Nicola Tolentino e Luigi fanno a Giacomo di Giovanni Frezza rettore della chiesa dei Santi Cosma e Damiano. Nella visita pastorale del 1577 di mons. Paolo Fusco, la chiesa non viene menzionata forse a causa della mancanza del foglio o dei fogli all’interno del suo liber visitationis.
Conosciamo, invece, una cappella dedicata ai santi medici di patronato della famiglia De Furno, al tempo “desolata e ruinata” e situata nella chiesa di S.Matteo del Pendolo. Tra il 1610 e il 1612 durante le visite pastorali indette da mons. Francesco Bennio, l’arcivescovo ordinò che la pila per l’acqua benedetta in marmo che dal 1604 si trovava all’esterno della chiesa, venisse trasferita all’interno e asseriva che i fedeli avevano una speciale devozione verso i Santi Cosma e Damiano. Nella seconda visita pastorale fatta eseguire dal vescovo Bernardino Panicola nel 1665 ad opera del suo vicario generale Antonio de Panicolis troviamo la chiesa dei Santi Cosma e Damiano come semplice beneficio della chiesa della Beata Maria de Lago insieme alle chiese di San Matteo e Sant’ Andrea de Pendulo.
Da questa visita pastorale sappiamo inoltre che nella chiesa si conserva la statua dorata di San Cosma con reliquia. Per ordine del Vescovo però la statua è tenuta nel monastero della SS. Trinità e viene trasportata a San Cosma solo il giorno della festa. Nel 1710 nella visita di Mons. Giuseppe Maria Perimezzi la chiesa di S.Cosma è officiata sebbene unita a quella di San Matteo del Pendolo. Nella chiesa vi trovò 23 ex-voti d’argento, donati dai fedeli “ex devotione pro gratis ab ipsis recepitis” e ordinò che la statua di S. Cosma, esistente nella chiesa del monastero della SS. Trinità, venisse ivi trasferita con due campane, l’una dell’orologio della cattedrale e l’altra di detto monastero. La statua venne restaurata nel 1756. Nell’Ottocento una descrizione dettagliata della piccola chiesa, chiamata dal Camera cappella di San Cosmo, è offerta dal canonico Luigi Mansi. Egli ci dice che la chiesa presenta un’unica navata coperta da una volta a botte in cui sono due altari: uno dedicato ai Santi Cosma e Damiano e l’altro a Sant’Onofrio, un santo eremita orientale il che rende più insistente l’ipotesi al momento non dimostrabile di un originario insediamento di tipo anacoretico.
Proseguendo nella descrizione sappiamo di molti ex-voti collocati sul cornicione e della presenza di una sagrestia e di due stanzette senza arredi. Nel 1898 la famiglia Confalone rifece il pavimento della chiesa e ne diede testimonianza attraverso la collocazione all’ingresso di una targa in marmo. L’ingresso alla chiesetta era garantito da una lunga rampa di scale. Su un pianerottolo di questa rampa si apriva un arco con affreschi rappresentanti i due santi in una rigida posa frontale e bidimensionale di tradizione bizantina, risalenti con molta probabilità a molto prima del XIV – XV secolo, quando cioè iniziamo ad avere notizie della chiesa. Dalla sagrestia si dava voce attraverso una corda alle due campane poste su un campaniletto inserito nella roccia. Un suo rudere che ancor oggi si vede in alto sulla rupe è l’ultima traccia del passato. Il 26 settembre 1965, Mons. Angelo Rossini benediceva il nuovo Santuario tra una folla festante e commossa.

 

Condividi contenuto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email