Torre dello Ziro

Torre dello Ziro Michaela

COMUNE: Scala
DENOMINAZIONE: Torre dello Ziro
DOVE STA: Località Pontone

DESCRIZIONE: Sullo sperone di roccia che si protende verso il mare, tra Atrani ed Amalfi, si eleva la torre dello Ziro, con uno stretto camminamento, cinto da mura merlate, che la collega al punto estremo della spianata.
Come si mostra ora la torre ha tutti gli elementi delle opere difensive di epoca angioina; si tratta, infatti, di una costruzione cilindrica con base scarpata e toro aggettante all’imposta del cilindro sulla base. Il coronamento doveva presentare una merlatura di cui sopravvivono alcuni elementi; le uniche aperture sono al di sopra della cornice, una più ampia che doveva servire da ingresso, le altre più piccole (quattro vani finestra di forma quadrata).
Le prime notizie su questa torre risalgono al 1151, quando viene ancora chiamata “Rocca di S. Felice”, mentre a partire dal 1292 diventa Turris cziri.
A questa struttura è legata una storia molto conosciuta tra la gente del luogo; si racconta che la torre fu utilizzata come luogo di prigionia per Giovanna d’Aragona. Questa, sposata giovanissima ad Alfonso Piccolomini duca di Amalfi, quando troppo presto (a circa venti anni) divenne vedova, intraprese una relazione amorosa con il suo amministratore (servo) Antonio Bologna, che in seguito sposò in segreto e da cui ebbe dei figli. Quando i due fratelli di lei, il cardinale Carlo e Federico, scoprirono la cosa, mostrarono il loro dissenso cercando di dividere i due amanti; questi fuggirono, ma, rintracciati, il Bologna fu ucciso e Giovanna fu ricondotta ad Amalfi dove sparì.
La storia, svoltasi nel 1500, è un fatto realmente accaduto, raccontato tra i tanti da Matteo Bandello nelle sue novelle, testimone oculare della vicenda perché era amico del Bologna; poi venne addirittura trasposta in forma di tragedia da John Webster, nel XVI secolo, che però conclude la vicenda con l’uccisione di Giovanna da parte di un sicario, il Bosola.
La tradizione locale racconta invece che Giovanna, ricondotta ad Amalfi, fu rinchiusa nella Torre dello Ziro e murata viva insieme ai figli, frutto dell’amore segreto; la riprova di questa conclusione sta, secondo la vox populi, nell’assenza di porte nella torre.

VEDERE, VISITARE, TROVARE:  La torre è visitabile dall’esterno.
DATI SULLA FRUIZIONE: Nessuno
OPPORTUNITA’: Il sito dovrebbe essere segnalato da una successione di indicazioni tali da rendere facilmente riconoscibile il percorso (una passeggiata peraltro molto piacevole). La torre dovrebbe inoltre essere descritta e presentata tramite pannelli, con riferimento anche alla leggenda di Giovanna d’Aragona.

BIBLIOGRAFIA: CAMERA M., Memorie storico – diplomatiche: città e ducato di Amalfi, Salerno 1881.

Condividi contenuto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email