La Pastiera

pastiera 800x533

La pastiera era originariamente un migliaccio di maccheroni in cui si utilizzava “la pasta di ieri” condita con ricotta dolcificata, uova e cannella. Solo in un secondo momento fu preparata con una pasta lunga ed in particolare con un formato molto sottile denominato “fedeline”, cotte nel latte e condite con zucchero, cannella, acqua di fiori d’arancio ed amalgamate con uova sbattute. Il tutto veniva poi posto in una teglia di terracotta preunta con sugna o burro per essere cotto al forno sino alla doratura della superficie. Il migliaccio di pasta dolce dopo aver subito varie modifiche oggi è divenuta una sfoglia esterna di ottima pasta frolla con all’interno un composto di crema pasticcera e ricotta montata e dolcificata con aggiunta di cedri e scorze d’arancio e canditi tagliuzzati a dadini, grano precotto, latte e strutto aromatizzato da una spruzzatina d’acqua di fiori d’arancio.

VEDERE, VISITARE, TROVARE: è un prodotto tipicamente pasquale, ma in alcune pasticcerie e ristoranti è possibile trovarlo anche in altri periodi dell’anno.

OPPORTUNITA’: organizzare corsi, degustazioni e dimostrazioni presso qualche pasticceria, oppure inserirla nei corsi di cucina già proposti dalle agenzie locali. Per le specialità legate a particolari ricorrenze o a specifici periodi dell’anno le dimostrazioni e le degustazioni sarebbero particolarmente importanti, perché contribuirebbero a coinvolgere i visitatori nei ritmi e nelle usanze della cultura locale.

BIBLIOGRAFIA:
Ezio Falcone, La tradizione culinaria della regione amalfitana, il garum e la colatura d’alici, in Rassegna del Centro di Cultura e Storia amalfitana, 6 Dicembre 1993, Nuova Serie.
Salerno Costa d’Amalfi e Penisola Sorrentina, Itinerari srl Piacenza, Dicembre 2002.
La Costa d’Amalfi, paesaggio di borghi dipinti, iniziativa ideata da Cotur Costa d’Amalfi coordinamento turismo rurale, dicembre 2001.

Condividi contenuto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email